Progettare il costruito: nuovi modelli e qualità integrata per la città compatta

Venerdì 22 novembre, ai Musei San Domenico, seminario regionale nell’ambito della ricerca “Spinner 2013”

PROGETTARE IL COSTRUITO: NUOVI MODELLI A QUALITÀ INTEGRATA PER LA CITTÀ COMPATTA

Venerdì 22 novembre, ai Musei San Domenico, seminario regionale nell’ambito della ricerca “Spinner 2013”

Nella scorsa edizione del Festival dell’Architettura, Bologna ha ospitato il primo momento di confronto pubblico sul Progetto di Ricerca a rilevanza regionale Spinner 2013 che ha visto coinvolte personalità appartenenti al mondo accademico e tecnico-amministrativo attive nel bacino territoriale composto dalle dieci città capoluogo di provincia della Regione Emilia Romagna assunto come contesto di analisi applicata.
In continuità con le considerazioni di tipo metodologico e analitico-applicative emerse nel corso del Festival, venerdì 22 novembre 2013 a Forlì verranno ripresi l’approfondimento e il confronto con la presentazione del secondo stato d’avanzamento della ricerca Spinner.
“Progettare il costruito: nuovi modelli a qualità integrata per la città compatta” è il titolo assegnato alla giornata di studi che sarà strutturata in una sessione mattutina (inizio alle ore 9.30) e in una pomeridiana (dalle ore 14.30). Il seminario sarà ospitato nella Sala Refettorio dei Musei San Domenico di Piazzale Guido da Montefeltro e verrà aperto dal saluto del Sindaco Roberto Balzani. Interverranno docenti universitari, ingegneri, architetti ed esperti di diritto ed economia. In conclusione, dalle ore 16.30 alle 18, è prevista una tavola rotonda coordinata dall’Assessore all’urbanistica del Comune di Forlì Paolo Rava e da Assessori alla pianificazione della Regione Emilia Romagna, Alfredo Peri, e di alcuni Comuni: Patrizia Gabellini (Bologna), Michele Alinovi (Parma), Ugo Ferrari (Reggio Emilia) e Gabriele Giacobazzi (Modena).

Gli obiettivi della ricerca
Nella definizione di un nuovo assetto strutturale del corpo urbano in crisi, lo spazio – non genericamente inteso ma bensì selezionato attraverso fattori di accessibilità, visibilità e fruibilità che lo qualificano come spazio di centralità nella città in cui ancora permane continuità fisica tra le parti – è interpretato come risorsa primaria nell’ottica di una densificazione mediante tipologie architettoniche prossime al “condensatore sociale”. A tal fine, con sguardo europeo, la ricerca tende verso la prefigurazione di nuovi modelli architettonici portatori di un “effetto centralità” e replicabili sino a divenire “il molteplice teatrale” inteso come insieme di forme tra loro interdipendenti che costituiscono, di fatto, un sistema nella scena urbana della futuribile “città compatta” contrapposta all’attuale fenomeno della città in estensione e dispersa.

Programma Festa Architettura

FN617
20 novembre 2013

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG