Società post incenerimento: il modello Forlì

Intervento di Alberto Bellini, Assessore all’Ambiente.

SOCIETA’ POST-INCENERIMENTO:IL MODELLO FORLI’

Intervento di Alberto Bellini, Assessore all’Ambiente

Lunedì 29 aprile è entrato in funzione l’inceneritore di Parma, con un primo ciclo di trattamento dei rifiuti.
Senza volere alimentare le polemiche, anzi con spirito propositivo, credo sia opportuno ricordare che proprio un anno fa io e il Sindaco Roberto Balzani avevamo detto ai cittadini e al Sindaco di Parma Federico Pizzarotti, prima in piazza Ghiaia, poi in una trasmissione televisiva, che non era sufficiente la volontà di una Amministrazione Comunale per interrompere la programmazione dello smaltimento dei rifiuti. Oggi come allora sottolineo che la nostra Amministrazione sta lavorando, sin dal suo insediamento, per la  società post-incenerimento, ovvero per la programmazione delle azioni amministrative ed economiche necessarie a sostituire gli impianti di smaltimento (discariche e inceneritori) con impianti di recupero di materia.

La realizzazione della società post-incenerimento si può realizzare attraverso i seguenti passi:
- approvazione di un piano regionale di gestione dei rifiuti, che preveda una quota minima di materiale residuale da inviare ad incenerimento;
- approvazione di una legge regionale, che sostenga attraverso la fiscalità ambientale, gli obiettivi del piano: riduzione dei rifiuti ed aumento della raccolta differenziata di qualità;
- incentivi alla realizzazione di sistemi di raccolta rifiuti basati sulla tariffazione puntuale, dove si paga in base alla quantità di rifiuti indifferenziati prodotti;
- incentivi alla realizzazione di piattaforme di selezione, di impianti di recupero materiali, e di impianti di trattamento del rifiuto urbano residuo.

L’Amministrazione Comunale di Forlì, in accordo con la Provincia di Forlì-Cesena, si sta impegnando in questo percorso dal suo insediamento, con diverse azioni concrete:
-  Forlì è stato il primo Comune ad approvare la legge di iniziativa popolare sui rifiuti;
- diniego ad Hera Ambiente dell’uso dell’inceneritore per il trattamento di biomasse, con conseguente estensione della quantità massima autorizzata, e di materiali provenienti dal altre Province;
- realizzazione della raccolta porta a porta per aumentare la percentuale di raccolta differenziata di qualità;
- conferma degli obiettivi previsti dall’autorizzazione integrata ambientale dell’inceneritore di via Grigioni, che si traducono nella riduzione della quantità autorizzata da 120.000 a 70.000 tonn/anno.

L’Amministrazione Comunale continua il percorso di realizzazione della società post-incenerimento, anche attraverso la definizione di una normativa nazionale per promuovere la transizione verso la gestione dei rifiuti basata sul recupero. Infatti, riteniamo che tale percorso, oltre ad essere una soluzione ideale dal punto di vista ambientale e sanitario, sia anche una straordinaria opportunità di sviluppo economico nel settore dei materiali, ambito economico molto importante in un paese nel quale le materie prime sono di fatto assenti.

L’amministrazione comunale si augura di incontrare la collaborazione di tanti Enti e Amministratori a livello regionale, come già avvenuto per la legge di iniziativa popolare, sottoscritta dopo il Comune di Forlì da moltissimi Comuni e Province italiane, fino a raggiungere oltre 1.200.000 abitanti.

FN217
02 maggio 2013

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG