Lunedì 26 agosto, ore 21.15, secondo appuntamento all’Arena Eliseo di Forlì con “I restauri della cineteca”

All’interno della programmazione estiva dell’Arena Eliseo Estate Cinema 2013, lunedì 26 agosto è in cartellone la seconda serata dedicata al Cinema Restaurato (giovedì 8 agosto proiezione del film “Anni difficili”-1948 -di Luigi Zampa).

LUNEDÌ 26 AGOSTO, ORE 21.15, SECONDO APPUNTAMENTO ALL’ARENA ELISEO DI FORLI’ CON “I RESTAURI DELLA CINETECA”

All’interno della programmazione estiva dell’Arena Eliseo Estate Cinema 2013, lunedì 26 agosto è in cartellone la seconda serata dedicata al Cinema Restaurato (giovedì 8 agosto proiezione del film “Anni difficili”-1948 -di Luigi Zampa). L’iniziativa prende origine dalla Cineteca di Bologna che continua la sua preziosa opera di salvaguardia e valorizzazione del cinema del passato. L’intento è quello di proteggere il grande cinema per metterlo a disposizione delle generazioni future.

Il progetto rientra nel circuito cinematografico Fronte del Pubblico in collaborazione con gli uffici cultura di vari Comuni dell’Emilia Romagna che hanno aderito al progetto fra i quali Forlì in collaborazione con L’Unione Coop. Saffi – Direttore Francesco Romanelli. A presentare la serata Andrea Morini della Cineteca di Bologna.

Scheda

Lunedì 26 agosto Arena Eliseo ore 21.15 per “ I restauri della Cineteca di Bologna proiezione de “I DOCUMENTARI DI VITTORIO DE SETA” girati fra il 1954 e il 1959.

Isole di fuoco (Italia 1954-1955 11’)

Lu tempu de lu pisci spata (Italia 1954 , 11’)

Pasqua in Sicilia (Italia 1955, 11’)

Contadini del mare (Italia 1955, 11’)

Parabola d’oro (Italia 1955, 11’)

Surfarara (Italia 1955, 11’)

Pastori di Orgosolo (Italia 1958, 11’)

Un giorno in Barbagia (Italia 1958, 11’)

Pescherecci (Italia 1958, 11’)

I dimenticati (Italia 1959, 20’)

I documentari sono stati restaurati nel 2008 dalla Cineteca di Bologna, e pubblicati dalla Feltrinelli in un DVD intitolato Il mondo perduto, insieme a un libro che, fra gli altri, raccoglie i commenti di Roberto Saviano, Martin Scorsese, Vincenzo Consolo, Goffredo Fofi e Alberto Farassino.

Vittorio De Seta

De Seta (1923 – 2011) è stato definito da Scorsese un maestro non solo del cinema italiano. Nato a Palermo, ha esordito come autore di documentari di ispirazione neorealista incentrati sulle condizioni dei lavoratori in Sicilia e Sardegna (Isole di Fuoco, Primo Premio per il documentario al Festival di Cannes 1955; Sulfarara, Targa d’argento al Premio David di Donatello 1956/ 57 e numerosi altri). Banditi a Orgosolo del 1961, di cui cura anche produzione, montaggio fotografia e sceneggiatura, è il suo primo film non documentario: un’opera scarna, essenziale e di forte contenuto sociale interpretata da attori non protagonisti che si aggiudica il Premio Opera Prima alla Mostra di Venezia, il Nastro d’Argento per la miglior fotografia in bianco e nero ed altri prestigiosi riconoscimenti. Gli altri suoi film non documentari sono Un uomo a metà, di carattere più intimista ed introspettivo (1966), L’invitata, unico film prodotto da De Seta nell’ambito di una produzione “regolare” (1969), Diario di un maestro che è una protesta del regista contro lo “spreco” (l’espressione è di Danilo Dolci) che l’Italia fa degli Italiani (1972, per la Rai Radiotelevisione Italiana). Negli ultimi anni il cinema di De Seta è stato anche centro di una serie di omaggi negli Stati Uniti. Nel 2005 Martin Scorsese ha introdotto i suoi film al Full Frame Festival e al Tribeca di Robert De Niro. Il MOMA (Museum of Modern Art di New York) lo ha inoltre celebrato quest’anno come maestro del cinema del reale con una retrospettiva dal 24 al 30 giugno. Per la prima volta è stato presentato negli Stati Uniti anche Diario di un maestro. Gli altri titoli di punta della rassegna sono stati Banditi a Orgosolo e Un uomo a metà e dieci documentari tra cui quelli girati in Sicilia e Sardegna prima del boom economico.

Rivedere i documentari di Vittorio De Seta senza dubbio farà comprendere meglio quello che Vittorio De Seta ha detto e ha dato all’arte del cinema e del documentario in particolare; dalla sua opera traspare l’ inesausta esigenza di comprendere sempre di più, sempre più profondamente la sua e nostra terra.

FN445
23 agosto 2013

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG