Servizio gestione rifiuti del Comune di Forlì, Tares e raccolta “Porta a Porta”

[...L'amministrazione comunale ha proposto e proporrà meccanismi per modulare i costi e l'addizionale in modo proporzionale alla produzione dei rifiuti e premiando chi adotta comportamenti virtuosi...] Dichiarazione dell’Assessore all’Ambiente Alberto Bellini

SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DEL COMUNE DI FORLÌ, TARES E RACCOLTA PORTA A PORTA
Dichiarazione dell’Assessore all’Ambiente Alberto Bellini

Nel 2013 verrà attivata la raccolta domiciliare nella zona Foro Boario, in una area densamente abitata del nostro territorio che comprende complessivamente circa 17.000 abitanti.

Il progetto prevede una rilevante novità,: il vetro sarà raccolto separatamente dalla frazione secca, plastica e lattine, e sarà raccolto attraverso le campane stradali.

Infatti, i consorzi di filiera promuovono questa modalità che consente un miglior recupero e proventi maggiori.

Qualora la sperimentazione risulti positiva questa modalità verrà estesa anche alle prime tre zone della città che già utilizzano la raccolta domiciliare.

Il 21 dicembre ATERSIR ha approvato il piano economico finanziario del servizio rifiuti di tutti i comuni della Provincia, compreso il Comune di Forlì.

Il piano economico finanziario sarà coperto attraverso le quote versate da tutte le utenze domestiche e non domestiche.

Sul piano economico finanziario del 2013 incide in maniera significativa la TARES (DL Salva – Italia 2011, art. 14), che introduce un’addizionale pari a 0.3 euro/mq.

Tale addizionale sarà interamente devoluta allo Stato.

Per il Comune di Forlì il piano finanziario 2013 prevede un aumento pari a circa il 24%. L’aumento è causato principalmente da:
- addizionale TARES, 2.663.095 euro (1.729.993 euro per utenze domestiche e 933.092 euro per le utenze non domestiche che producono rifiuti assimilati agli urbani);
- adeguamento ISTAT tariffario per il 2013 e costo dei servizi non programmabili pari a 832.139 euro;
- aumento del costo di gestione del servizio di raccolta domiciliare per il Foro Boario, pari a 515.894 euro.

Tale aumento è considerato un ottimo investimento perché consente di ridurre il rifiuto residuo secco prodotto e quindi di ridurre l’impatto ambientale e i costi corrispondenti allo smaltimento, che si prevedono in sensibile aumento nei prossimi anni.

L’aumento del piano economico finanziario non si traduce in un aumento proporzionale dei costi per le singole utenze, in quanto da un anno all’altro cambia il numero delle utenze e la addizionale TARES dipende unicamente dalle dimensioni delle abitazioni/attività.

Probabilmente, per le utenze domestiche gli aumenti varieranno dal 15 al 30%.

L’amministrazione comunale non condivide la scelta di introdurre una addizionale sui costi del servizio per i rifiuti, in quanto vengono penalizzati i cittadini in modo indistinto, senza promuovere o premiare i comportamenti virtuosi e senza modulare l’addizionale in base alla tipologia di abitazione e in base alla composizione del nucleo familiare.
L’amministrazione comunale ha proposto e proporrà meccanismi per modulare i costi e l’addizionale in modo proporzionale alla produzione dei rifiuti e premiando chi adotta comportamenti virtuosi, ovvero riduzione della quota di residuo secco destinato a smaltimento (cfr. legge di iniziativa popolare per i rifiuti, approvata dal consiglio comunale di Forlì).
Auspichiamo che la TARES, che è stata prorogata ad Aprile 2013 dagli emendamenti della legge di stabilità in questi giorni, venga modificata nel modo sopra descritto. Si segnala che il fondo per i servizi non programmabili del 2013 (recupero abbandoni, servizi a chiamati) è pari a 519.118 euro, a causa del numero significativo di interventi rendicontati dal gestore nel 2011-2012, in base al quale viene calcolato.

Nel comune di Cesena, tale quota è pari a 277.881 euro, in quanto il numero totale degli interventi è decisamente inferiore.

L’amministrazione cercherà di contrastare il preoccupante fenomeno degli abbandoni attraverso una campagna di informazione e comunicazione dedicata e attraverso l’installazione di una stazione ecomobile, per aumentare la disponibilità di servizi per i cittadini.

La collaborazione e l’attenzione di tutti è fondamentale per ridurre questo fenomeno e i costi corrispondenti.

21.12.2012
Foglio Notizie n. 747

Tag:, ,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG