“Perchè Forlì appoggia la candidatura di Ravenna a capitale Europea della Cultura?”

“In città aleggia questa domanda. Dare una mano alla candidatura di Ravenna a un prestigioso titolo europeo per 2019 è sicuramente un gesto di buon vicinato, ma perché Forlì fa parte del Comitato Promotore e ha istituito un Comitato Artistico – Organizzativo? [...]

“PERCHE’ FORLI’ APPOGGIA LA CANDIDATURA DI RAVENNA A CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA?”
Dichiarazione dell’Assessore alla Cultura Patrick Leech

“In città aleggia questa domanda. Dare una mano alla candidatura di Ravenna a un prestigioso titolo europeo per 2019 è sicuramente un gesto di buon vicinato, ma perché Forlì fa parte del Comitato Promotore e ha istituito un Comitato Artistico – Organizzativo? Innanzitutto, credo che bisogna fare un passo indietro e chiedersi perché Ravenna vuole questo appoggio. La risposta è duplice. In primo luogo, l’Europa è più orientata verso candidature che abbiano una valenza che va oltre le mura delle città e che possano mostrare di fungere come volano territoriale.

Un esempio chiaro fu la candidatura di “Essen e la Ruhr”, capitale della cultura per il 2010. In secondo luogo, Ravenna, come la Regione Emilia Romagna, spinge sempre di più verso una politica condivisa per sviluppare economie di scala e per poter agire meglio in un mondo sempre più globalizzato.

Forlì aderisce alla candidatura proprio per contribuire allo sviluppo di una progettualità culturale a livello Romagnolo. Aldilà del risultato (l’assegnazione verrà fatta alla fine del 2013), lo strumento della candidatura costituisce un’opportunità unica di incontrarsi, discutere e progettare insieme per i prossimi due anni. Una sfida entusiasmante che ci permette di sviluppare una nuova visione del territorio.

Ma ci sono altri motivi buoni. E risiedono nella condivisione, da parte del mio assessorato, di alcuni indirizzi di politica culturale che sono anche i criteri cardine per l’aggiudicazione della candidatura. Il primo è la partecipazione. La proposta culturale del dossier che verrà consegnato all’Europa nel mese di ottobre 2013 deve essere di qualità e deve avere un forte appoggio in termine di piena partecipazione della cittadinanza. La cultura, insomma, non deve essere un gioco fra pochi, ma deve anzi avere un impatto ampio e condiviso. Il secondo criterio è rappresentato dalla natura europea delle iniziative proposte: devono guardare fuori dalla dimensione locale ed avere un pieno respiro internazionale.

Il principio della partecipazione augurata dall’Europa non si riferisce solo ai progetti ma include il processo della candidatura. E’ in questo spirito che il Comitato Artistico-Organizzativo di Forlì ha promosso la costituzione di “working groups” su alcuni temi che il Comitato ritiene strategici alla candidatura.

Chiunque opera in campo culturale e ha voglia di partecipare, quindi, è invitato a mandare una mail all’indirizzo forli2019@comune.forli.fc.it. Si tratta, ripeto, di un’occasione unica, di un’opportunità straordinaria di progettazione condivisa per costruire insieme la cultura della città e del suo territorio in una prospettiva di medio e lungo termine”.

Patrick Leech
Assessore alla Cultura e alle Relazioni Internazionali
del Comune di Forlì

28.02.2012
Foglio Notizie n.135

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG