Il Comune di Forlì ricorda il Prof. Renato Dulbecco, cittadino onorario di Forlì

Il Comune ricorda il professor Renato Dulbecco, grande biologo e genetista, premio Nobel per la Medicina nel 1975 e anche Cittadino Onorario di Forlì. Nell’aprile 1989, infatti, con voto unanime del Consiglio comunale, l’amministrazione conferì la cittadinanza onoraria al grande scienziato

IL COMUNE RICORDA IL PROF. RENATO DULBECCO, CITTADINO ONORARIO DI FORLI’


Il Comune ricorda il professor Renato Dulbecco, grande biologo e genetista, premio Nobel per la Medicina nel 1975 e anche Cittadino Onorario di Forlì. Nell’aprile 1989, infatti, con voto unanime del Consiglio comunale, l’amministrazione guidata dal sindaco Giorgio Zanniboni conferì la cittadinanza onoraria al grande scienziato con la seguente motivazione: “Eminente studioso nel campo della medicina ed in particolare della biologia molecolare, per gli studi passati, che gli valsero il Premio Nobel e per gli studi che lo vedono attualmente impegnato nell’auspicio che segnino tappe decisive nella lotta contro il cancro”.

Il legame con il nostro territorio risultò collegato, e continuò ad esserlo, partendo dall’impegno medico nella lotta contro i tumori e, in particolare, in rapporto con l’attività dell’Istituto Oncologico Romagnolo, struttura con una larghissima base popolare e con uno staff scientifico di primo livello. La sua scomparsa priva l’Italia e il mondo di un grande medico e di un grande uomo.

“Il professor Dulbecco – dichiara il sindaco Roberto Balzani – è un grande esempio per il nostro Paese e la sua testimonianza di uomo di medicina e di promotore della ricerca scientifica continuerà ad essere un punto di riferimento. E’ un onore per la nostra comunità poterlo ricordare come Cittadino Onorario di Forlì”.

21.02.2012
Foglio Notizie n.122

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG