Comune di Forlì: alcuni chiarimenti sull’iniziativa “Fare Centro”

“In questi giorni ho letto i commenti e le opinioni di numerosi cittadini su giornali e on line relativamente alla iniziativa “Fare Centro” per l’apertura di nuove attività economiche promossa da Comune, Associazioni di categoria e Forlì nel cuore…” Dichiarazione dell’Assessora allo sviluppo economico Maria Maltoni

COMUNE DI FORLI’: ALCUNI CHIARIMENTI SULL’INIZIATIVA “FARE CENTRO”
Dichiarazione dell’Assessora allo sviluppo economico Maria Maltoni

“In questi giorni ho letto i commenti e le opinioni di numerosi cittadini su giornali e on line relativamente alla iniziativa “Fare Centro” per l’apertura di nuove attività economiche promossa da Comune, Associazioni di categoria e Forlì nel cuore, nell’ambito del progetto finanziato dalla Regione per la valorizzazione del centro cittadino come centro commerciale naturale. In particolate mi hanno interessato alcune osservazioni di merito che, in alcuni casi, mostrano di non avere colto nella sua interezza il senso della proposta. Nonostante questo, però, va sottolineato che in pochissimi giorni sono arrivate oltre una decina di schede di “aspiranti imprenditori” e ci auguriamo che ne arrivino altre.
Mi preme comunque condividere alcune riflessioni su alcune osservazioni.
La prima fa riferimento al fatto che occorrono anche attività artigianali nell’area del centro storico. Su questo sono assolutamente d’accordo, ed infatti l’azione di raccordo tra proprietà dei locali sfitti censiti, Consorzi Fidi e Fondo del Comune di Forlì per le nuove imprese, va anche in questa direzione. Il disciplinare del Fondo comunale per la promozione delle nuove imprese prevede che possano accedervi anche tutte le attività di artigianato artistico e tradizionali individuate come tali nel DPR 25 maggio 2001 n.228: quali ad esempio lavorazioni di metalli preziosi e pietre dure, ceramica, ricamo, tessitura, sartoria su misura, ecc. Attività che sono importantissime in una città che vuole avere valenza turistica, a completamento dell’offerta commerciale tradizionale. Perciò anche chi è interessato ad aprire attività artigiane può partecipare alla iniziativa “Fare centro” ed inviare la scheda.
Ricordo, inoltre, che sono sempre più numerosi anche i franchising legati alle attività artigianali di servizio, quindi l’esperto incaricato dal Comune può mettere in contatto gli interessati anche con chi fornisce le attrezzature per la gestione di queste attività.
La seconda osservazione riguarda l’omologazione ingenerata dalle grandi catene commerciali. E’ vero, la globalizzazione porta con sé che i marchi più noti e strutturati dal punto di vista commerciale sono disponibili in pratica di ogni angolo del pianeta ed in ogni centro commerciale, ma sono anche quelli a cui il consumatore è abituato. Perciò per rendere completa l’ offerta nel nostro centro cittadino, affinchè ritorni ad essere “centro commerciale naturale”, sono necessari sia i brand noti che i piccoli negozi e i laboratori artigiani.
Ricordo che l’esperto incaricato dal Comune , dott. Aldo Pellegrino, è disponibile ad incontrare tutti coloro che sono interessati al progetto ed è possibile contattarlo alla mail aldo.pellegrino@comune.forli.fc.it lasciando un recapito telefonico. Certamente questa non è l’unica azione da mettere in campo per rivitalizzare il centro storico, ma se ognuno fa la sua parte, istituzioni, mondo economico, imprenditori, cittadini e proprietari di immobili, l’obiettivo di rivitalizzare il nostro “centro commerciale naturale” si può cogliere”.

Maria Maltoni, Assessora sviluppo economico Comune di Forlì

15.05.2012
Foglio Notizie n. 308

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG