Biblioteca “A. Saffi”: Martedì 17 aprile, trittico di immagini, parole e musica sui nuovi deserti contemporanei

Alle ore 21.00, la Biblioteca comunale “A. Saffi” di Corso della Repubblica, a Forlì, ospiterà il quinto appuntamento della programmazione “Esploratori in Biblioteca: dallo scaffale alla vita”, dedicata alla letteratura dell’erranza contemporanea.

BIBLIOTECA “A. SAFFI” DI FORLI’: MARTEDÌ 17 APRILE, TRITTICO DI IMMAGINI, PAROLE E MUSICA SUI NUOVI DESERTI CONTEMPORANEI

Martedì 17 aprile 2012, alle ore 21.00, la Biblioteca comunale “A. Saffi” di Corso della Repubblica, a Forlì, ospiterà il quinto appuntamento della programmazione “Esploratori in Biblioteca: dallo scaffale alla vita”, dedicata alla letteratura dell’erranza contemporanea. Un’oasi artistica da non perdere per il prestigio internazionale degli ospiti. I lettori potranno attraversare i nuovi deserti contemporanei con un trittico di immagini, parole e musica. Rafael Argullol, scrittore, Giovanni Zaffagnini, fotografo, Ingeborg Riebesehl e Ángel García Arnés, chitarristi, saranno guide culturali di eccezione.

La conversazione prenderà le mosse dalla presentazione, in anteprima assoluta in Italia, del libro di Argullol “Visión desde el fondo del mar” (2010), incrociando la mostra fotografica “Deserto km 0”, allestita presso le stanze della Biblioteca, per avvistare con il duo di chitarra i territori del nomade. Giovanni Nadiani, narratore, leggerà brani letterari sulle domande che il deserto suscita. Introdurrà la serata Rafael Lozano Miralles, Direttore SSLMIT. L’iniziativa è inserita nel percorso provinciale AutorJtinera.

Il progetto è promosso dalla Biblioteca Comunale “Aurelio Saffi” di Forlì, con il contributo della Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori e del Dipartimento SITLeC – Università di Bologna, sede di Forlì e della Fondazione Garzanti, con il patrocinio del Centro Diego Fabbri (Forlì), nell’ambito della rassegna Autorjtinera (Regione Emilia-Romagna e Provincia di Forlì-Cesena), con la collaborazione dell’Istituto Musicale “Angelo Masini” di Forlì, di ARTE DANZA UNIVERSITY di Forlì, della PROMO MUSIC – Corvino Meda Editore, della Scuola HOLDEN di Torino. ESPLORATORI IN BIBLIOTECA: DALLO SCAFFALE ALLA VITA è un progetto ideato e coordinato da María Isabel Fernández García con la collaborazione di Yvonne Grimaldi del Centro Studi Teatrali – Dipartimento SITLeC, Università di Bologna sede di Forlì.

L’incontro è gratuito e aperto a tutta la cittadinanza. Per informazioni: Biblioteca Saffi Tel. 0543 712600, biblioteca-saffi@comune.forli.fc.it

I profili dei protagonisti

Rafael Argullol (Barcellona, 1949), scrittore, poeta e saggista, è professore di Estetica e Teoria delle Arti all’Università Pompeu Fabra (Barcellona). Dal 2002 al 2008 ha ricoperto la carica di direttore dell’Istituto Universitario di Cultura della stessa università. E’ autore di 25 libri che spaziano tra diversi ambiti letterari: poesia (Disturbios del conocimiento, Duelo en el Valle de la Muerte, El afilador de cuchillos), romanzo (Lampedusa, El asalto del cielo, Desciende, río invisible, La razón del mal, Transeuropa, Davalú o el dolor) e saggistica (La atracción del abismo, El Héroe y el Único, El fin del mundo como obra de arte, Aventura. Una filosofía nómada, Manifiesto contra la servidumbre. Escritos frente a la guerra, tra gli altri), spostandosi sempre di più verso una scrittura trasversale che travalica i generi letterari (Cazador de instantes, El puente del fuego, Enciclopedia del crepúsculo, Breviario de la aurora, ecc.). Ha studiato Filosofia, Medicina, Economia e Scienze dell’Informazione all’Università di Barcellona e ha frequentato dei corsi presso l’Università di Roma, il Warburg Institute di Londra e la Freie Universität di Berlino, conseguendo il dottorato in Filosofia (1979) nella sua città natale.
Ha insegnato presso università europee ed americane e ha tenuto conferenze in diverse città d’Europa, America e Asia. Collaboratore abituale di giornali (El País) e riviste, ha spesso legato la sua estetica letteraria alla sua natura di viaggiatore. Ha preso parte a diversi progetti teatrali e cinematografici. Ha vinto il prestigioso Premio Nadal con il romanzo La razón del mal (1993), il Premio Ensayo del Fondo de Cultura Económica con Una educación sensorial (2002). Visión desde el fondo del mar è stato insignito dei premi: Ciutat de Barcelona e Cálamo, entrambi nel 2010.

Angel García Arnes – Ingeborg Riebesehl, i membri del Duo chitarristico, conosciutisi durante gli studi all’Accademia Musicale di Amburgo, vantano entrambi una lunga e qualificata carriera in qualità di docenti di strumento presso diverse istituzioni in Germania e Italia. La loro attività concertistica, coronata di premi, li ha portati a esibirsi in diverse formazioni in molti paesi europei effettuando altresì registrazioni per prestigiose emittenti radio-televisive.

Giovanni Zaffagnini vive e lavora a Fusignano (Ravenna). Dalle ricerche etnografiche degli anni settanta è passato successivamente alla fotografia di paesaggio, con particolare attenzione agli spazi urbani e all’ambiente. Nel 1986, su progetto di Gianni Celati, è stato fra i curatori della mostra itinerante e del volume Traversate del deserto (Essegi Editore). Tra le mostre alle quali ha partecipato come fotografo ricordiamo: L’insistenza dello sguardo, fotografia italiana 1839-1989 (a cura di P. Costantini e I. Zannier, Venezia, Palazzo Fortuny, 1989); La matière, l’ombre, la fiction (a cura di J.C.Lemagny, Paris, Galerie Colbert, 1994); Modena per la fotografia (a cura di W. Guadagnini, Modena, Palazzina dei giardini, 1997); 32 Italian Photographers: A tribute to Phyllis Lambert (Montreal, Canadian Centre for Architecture, 1999); Pensèes Sauvages (Sceaux, La Galerie du Petit Chateau, 2003); Herbolarium (Bari, Castello Svevo, 2004); Architettura in Emilia-Romagna nel secondo Novecento (a cura di M. Lupano e P. Orlandi, Bologna, Galleria d’Arte Moderna, 2005); Un Po di particolari (Blue project, Vila Real de Santo Antonio, Portugal, 2007); Tecla (Bolzano, Galleria Foto-forum, 2008); Sembianze (a cura di R. Maggiori e I. Zannier, Rep. di San Marino, Museo San Francesco, 2011). Le sue fotografie sono inoltre presenti nelle seguenti collezioni: Bibliothèque Nationale de France, Paris; Canadian Centre for Architecture, Montreal; Galleria Civica, Modena; Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, Bologna; Archivio Italo Zannier, Venezia. Aperto alle esperienze di altri generi artistici, ha realizzato interventi fotografici legati alla poesia (con Raffaello Baldini – Di notte. Rimini 1996 -. Giovanni Nadiani – Invel, Faenza 1999 -, Dino Campana – Io vidi. Faenza 2003), alla narrativa (Italo Calvino – Tecla, Rubiera 1994), al teatro (Maneggiare con cura, San Candido BZ 2004) e all’architettura.
Per conto dell’Istituto per i Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna ha effettuato, con Guido Guidi e Olivo Barbieri, una complessa ricerca relativa alla costa emiliano-romagnola (1999-2000).

16.04.2012
Foglio Notizie n. 239

Tag:,

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG