L’ assessora alla Sviluppo Economico e pari Opportunità del Comune di Forlì, ha partecipato al presidio della CGIL

Dichiarazione dell’Assessora Maria Maltoni.

MARIA MALTONI, L’ ASSESSORA ALLO SVILUPPO ECONOMICO E PARI OPPORTUNITA’ DEL COMUNE DI FORLI’, HA PARTECIPATO AL PRESIDIO DELLA CGIL, CONTRO UNA MANOVRA CHE COLPISCE PESANTEMENTE LE DONNE ITALIANE E DEPRIME ULTERIORMENTE L’ECONOMIA .

Maria Maltoni, assessora alla Sviluppo Economico e pari Opportunità del comune di Forlì, ha partecipato questa mattina al presidio indetto dalla CGIL contro la manovra economica del Governo.

“Ho partecipato alla iniziativa, ha affermato l’amministratrice, perchè la manovra del governo è un provvedimento ingiusto che colpisce i più deboli e non promuove l’economia. Era possibile stare dentro i parametri che ci chiede l’Europa, ma con scelte diverse.

Colpire i redditi dei lavoratori e delle lavoratrici, tagliando perfino sulle detrazioni per carichi familiari, è quanto di più iniquo si possa fare, dato che esistono i margini per recuperare l’evasione fiscale e per una diversa tassazione dei redditi più elevati e delle rendite finanziarie. Altro che venire incontro alle famiglie, questo governo sta affossando il valore sociale della maternità!

I tagli incideranno negativamente sul lavoro delle donne, non solo infatti non è previsto un piano nazionale per i servizi all’infanzia, ma si affossano quelli esistenti colpendo ancora una volta le scuole pubbliche.

Sul versante locale la riduzione ulteriore delle risorse degli enti locali ed il sostanziale blocco delle assunzioni, mettono in forse la quantità e la qualità dei servizi fin qui messi a disposizione delle donne che lavorano e più in generale delle famiglie, anche in realtà come le nostre, dove fino ad oggi si erano garantiti standard di livello europeo. Non dimentichiamo, inoltre, che è in gran parte occupazione femminile, quella che verrà tagliata negli enti locali.

Sul versante dell’ economia l’impossibilità di realizzare le opere pubbliche già previste,  a causa del patto di stabilità,  toglie ossigeno alle imprese mentre l’eliminazione delle agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni per favorire l’emersione del sommerso e l’annunciato blocco degli incentivi sul versante delle energie rinnovabili, penalizza alcuni  dei pochi settori economici che dimostravano vitalità.

Esprimo la mia totale contrarietà ad una manovra che colpisce l’economia, e che avrà l’effetto di far crescere la disoccupazione, in particolare quella femminile, che ha raggiunto al Sud il 33,1 % un livello record negativo, ma che pesa anche nella nostra realtà per il 6,3%.

Occorre nei prossimi giorni una forte mobilitazione di tutto il Paese, degli amministratori  locali, dei lavoratori e del mondo dell’impresa per cambiare questa ingiusta manovra. Mi auguro infine, conclude Maltoni, che anche da parte del movimento delle donne ci sia una forte azione di  mobilitazione così come è stato preannunciato a Siena all’incontro nazionale del Comitato “Se non ora quando “, al quale ha preso parte anche una rappresentanza del Comitati di Forlì”.

Ufficio Stampa del Comune di Forlì
15.07.2011

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG