Il peggior nemico della Sanità forlivese

Intervento del sindaco di Forlì Roberto Balzani.

“IL PEGGIOR NEMICO DELLA SANITÀ FORLIVESE: LUCA BARTOLINI”

Intervento del sindaco di Forlì Roberto Balzani.

“Luca Bartolini, consigliere regionale del Pdl, continua imperterrito nella sua opera di demolizione dell’immagine della sanità forlivese.

Anche oggi, irritato per la visita del Presidente Errani al “Morgagni” – un’occasione per fare il punto sullo stato della nostra sanità e sulle sue indubbie qualità, della quale sono stati protagonisti anzitutto i nostri professionisti – ha imbracciato il fucile e ha cominciato a sparare.

Prestazioni calate del 30%, costi inalterati: dunque, disastro. Questa la sua accusa. Ma da dove attinge i dati il cecchino della destra? Relativamente ai ricoveri ordinari (per i day-hospital non ha senso fare confronti in corso d’anno perché la maggior parte dei ricoveri viene chiusa al 31 dicembre), Forlì ha fatto registrare fra il primo semestre 2010 e il primo semestre 2011 un calo del 7%. Il calo medio regionale è del -3%.

In ogni caso, siamo sicuri che il calo dei ricoveri sia un male? In Area Vasta, tutte le strutture hanno calato i ricoveri ordinari nello stesso periodo: Ravenna -5%, Cesena -2%, Rimini+Santarcangelo -3%.

Per le prestazioni ambulatoriali, Forlì cala invece molto meno della media regionale, ma va detto che questi dati sono poco attendibili in corso d’anno perché arrivano con maggior ritardo rispetto a quelli dei ricoveri. Non si capisce pertanto da dove il consigliere Bartolini prenda un dato che è assolutamente inverosimile e non corrisponde all’esperienza quotidiana dei cittadini. Forse vuole allarmare la popolazione. In effetti, a furia di sparare…

E ora, i costi. I costi della gestione caratteristica 2010 su 2009 hanno fatto segnare un incremento di 720 mila Euro rispetto al 2009: percentualmente si tratta di un +0.2% contro una media delle Aziende USL sul cui territorio non incide una azienda ospedaliera del +4%. Va detto che l’incremento è in tutto determinato dai maggiori accantonamenti, +1,1 milioni di Euro, e dai maggiori costi, +700mila Euro, del nuovo contratto assicurativo. Se togliamo questo effetto, il dato mostrerebbe una riduzione del -0.3%.

Nel 2011 l’andamento dei costi della gestione caratteristica segna un -0.5%, sostanzialmente determinato dal -1.3% del costo del lavoro e dal -1.9% del costo per servizi sanitari.

I percorsi fatti fino ad ora sono stati sostenuti in modo sostanziale dal livello regionale. Nel 2011 l’Azienda ha potuto contare su un fondo di riequilibrio di 25.2 milioni di Euro, pari ad un procapite secco di 135 Euro: chi ci segue nell’elenco dei bisognosi è Ferrara, che fra AUSL e Azienda Ospedaliera ha avuto un fondo di riequilibrio di 40.8 milioni di Euro, pari ad un procapite secco di 114 Euro.

Si tratta di una quantità di denaro eccezionale, che in infatti ha suscitato, a livello regionale, molte proteste (anche da parte degli amici di Bartolini, Pdl e soci): troppi soldi a Forlì! Perché? Seguendo la logica di Bartolini, forse perché il Pd forlivese è molto forte. Seguendo la logica delle cose, più saggiamente, perché il sistema è intervenuto su una situazione critica, l’ha sanata e ha continuato a investire. Ottenendo risultati assolutamente positivi, in linea con le previsioni.

Bartolini, scegli un altro bersaglio, per favore!”

Tag:

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG