“Forlì fa la differenza”, un grande progetto per la nostra comunità: parte la zona 2

Intervento dell’assessore all’ambiente Alberto Bellini

“FORLÌ FA LA DIFFERENZA”, UN GRANDE PROGETTO PER LA NOSTRA COMUNITÀ: PARTE LA ZONA 2
Intervento dell’assessore all’ambiente Alberto Bellini

“Il 19 settembre 2011 parte la raccolta domiciliare nella “Zona 2”. Una data importante che segna il passaggio di una porzione significativa del nostro territorio alla raccolta porta a porta.

Questa data rappresenta una tappa di un percorso di grande partecipazione e attivazione dei cittadini, degli organi del decentramento, delle associazioni, degli amministratori di condominio e del gestore. Li ringrazio tutti per la enorme disponibilità e il tempo che hanno dedicato a questo progetto.

La migliore fotografia di questa partecipazione è la gratificazione ottenuta dai risultati, l’entusiasmo dei cittadini che hanno realizzato spot e campagne fotografiche, la gioia dei bambini che hanno partecipato ai gemellaggi formativi con Forlimpopoli e ai corsi organizzati con le associazioni. Ringrazio anche per le critiche ricevute, perché dall’analisi dei disagi e delle criticità sono nate idee e soluzioni, quali ad esempio punti dedicati per i pannolini/pannoloni, variazioni al regolamento per consentire l’accesso nelle aree private dei condomini, nello spirito vero della disponibilità reciproca. Il gestore e il nostro servizio ambiente hanno analizzato le singole situazioni cercando per tutti la migliore soluzione, come un vero e proprio censimento.

Il gestore e l’amministrazione saranno disponibili anche dopo l’avvio per cercare soluzioni a problemi di carattere generale, perché solo in questo modo si può stabilire un patto reciproco di disponibilità e attenzione. A mio parere, non vanno dimenticate le motivazioni, che giustificano questo massiccio impegno di tutta la comunità.

Mi piace rappresentarle con due parole: impronta ecologica. L’impronta ecologica rappresenta lo spazio e le risorse che ogni cittadino utilizza. Complessivamente è pari a circa il doppio dello spazio e delle risorse disponibili su tutto il pianeta. Questo paradosso è possibile, a causa dell’utilizzo di combustibili fossili (che si sono accumulati per milioni di anni), e per le pesanti eredità che lasciamo alle generazioni future, tra cui i rifiuti che si degradano in tantissimo tempo.

Un piccolo gesto, come la separazione dei rifiuti alla fonte, rappresenta una significativa riduzione della nostra impronta ecologica. Passare dal 55% di raccolta differenziata al 75% nel nostro territorio significa portare 20.000 tonn/anno di rifiuti dallo smaltimento al recupero, ovvero togliere scarti alimentari dallo smaltimento e riportarli al ciclo naturale.

“Forlì fa la differenza, la nostra comunità è pronta a mobilitarsi per migliorare la qualità ambientale del proprio territorio. Inoltre, la prospettiva è quella di creare meccanismi virtuosi per incentivare chi ricicla di più e di realizzare lo sviluppo economico del territorio, attraverso un distretto del riciclo. Infine una proposta, l’amministrazione è pronta ad approfondire i temi di carattere generale che vengano posti dai cittadini, con massima trasparenza e disponibilità”.

17.09.2011
Foglio Notizie n. 366

Tag:

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG