Prosegue a Palazzo Albertini la mostra “Questa illustre Madonna” dedicata al mito di Caterina Sforza

Prosegue la mostra “Questa illustre Madonna…La costruzione di un mito”, dedicata a Caterina Sforza nel Cinquecentenario della morte

UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI FORLÌ
12.01.2010
Foglio Notizie. 013
 
PROSEGUE A PALAZZO ALBERTINI LA MOSTRA “QUESTA ILLUSTRE MADONNA” DEDICATA AL MITO DI CATERINA SFORZA
 
Prosegue la mostra “Questa illustre Madonna…La costruzione di un mito”, dedicata a Caterina Sforza nel Cinquecentenario della morte e ambientata a Forlì nelle sale del primo e del secondo piano di Palazzo Albertini fino al 28 febbraio 2010. Oltre mille persone hanno visitato l’esposizione nei primi due mesi di apertura. Oggi, martedì 12 gennaio, tra i materiali esposti nel piano nobile sono stati  collocati due grandi piatti da pompa in maiolica di Deruta del primo Cinquecento, prestati dal Museo Nazionale Classense di Ravenna, che recano i profili di due personaggi che una scritta di epoca successiva identifica con Caterina Sforza e Gerolamo Riario. La mostra, incentrata sul mito che si è creato e si è sviluppato nell’arco di cinque secoli intorno alla figura della Contessa, è stata inoltre arricchita dall’inserimento nella sezione dedicata alla Forlì del primo Cinquecento di una serie di pregevoli reperti (formelle in cotto, peducci, elementi di fregio e decorativi) databili al primo Cinquecento e appartenenti alle raccolte civiche forlivesi, nonché dall’attivazione dei laboratori didattici per le scuole elementari e medie nella Saletta Atélier del piano superiore (per partecipazione 0543.712659). Orario di apertura: dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. Chiusura al lunedì e il giorno 4 febbraio. Per informazioni, 0543.712609-606, 0543.24184.

Tag:

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG