Forlì fa la differenza:presentato il modello per il “Porta a porta”, Quartiere Ronco e zone residenziali di Villa Selva e San Leonardo

Il nuovo sistema di raccolta partirà il 31 gennaio 2011 nel quartiere Ronco e nelle zone residenziali de La Selva e San Leonardo.

FORLI’ FA LA DIFFERENZA: PRESENTATO IL MODELLO PER IL “PORTA A PORTA”,
QUARTIERE RONCO E ZONE RESIDENZIALI DE LA SELVA E SAN LEONARDO

Il nuovo sistema di raccolta partirà il 31 gennaio 2011 nel quartiere Ronco e nelle zone residenziali de La Selva e San Leonardo. I contenitori stradali saranno rimossi dal 1 al 15 febbraio. Dopo aver completato la fase di discussione e di analisi dei sistemi di raccolta dei rifiuti mediante gli incontri con associazioni, cittadini e imprenditori, l’amministrazione Comunale di Forlì e il gestore Hera hanno presentato lunedì sera, 29 novembre, il nuovo sistema di raccolta domiciliare.
Il primo agglomerato o Zona 1 comprende il quartiere Ronco  e le aree residenziali di  San Leonardo e La Selva, per un totale di 3.440 utenze.
Recentemente gli episodi della Campania e della Sicilia mostrano che è importante prevenire i problemi conseguenti all’esaurimento delle nostre discariche, costruendo un modello orientato a favorire il recupero di materiale e la riduzione della produzione di rifiuti. Questo modello è basato sulla responsabilizzazione dell’utente attraverso la raccolta domiciliare, e attraverso la tariffa puntuale, ovvero incentivando i cittadini che separano e riducono alla fonte i rifiuti.
Su queste basi l’Amministrazione Comunale ha costruito il ‘modello Forlì’, cercando di rispondere alle esigenze del nostro territorio e assumendosi la responsabilità di garantire ai cittadini il controllo e la programmazione del servizio. Il Comune di Forlì è stato delegato da tutti i Comuni del comprensorio forlivese per sviluppare un modello a geometria variabile, che si possa adattare ai vari quartieri e che consenta la creazione di un distretto del riciclo.
L’introduzione della raccolta domiciliare in tutto il territorio è un elemento fondamentale, per garantire quantità di materiale differenziato sufficienti  per rendere economicamente sostenibili gli investimenti per la realizzazione degli impianti a livello locale.
Sono stati sviluppati i modelli di raccolta per le aree residenziali e case sparse, che sono caratteristici del primo agglomerato (Ronco e zone residenziali di San Leonardo e Villa Selva). Le tecnologie necessarie per realizzare la tariffa incentivante verranno sviluppate nel corso del 2011 con la stretta collaborazione tra amministrazione, gestore e cittadini.

Il nuovo sistema di raccolta domiciliare
Il modello Forlì prevede l’utilizzo di quattro contenitori:
- uno per la carta/cartone (blu), che sarà raccolto il mercoledì (una volta alla settimana nella zona residenziale e una volta ogni 14 giorni nelle case sparse;
- uno per Vetro – Plastica – Lattine o VPL (giallo), che sarà raccolto il giovedì (una volta alla settimana nella zona residenziale e una volta ogni 14 giorni nelle case sparse;
- uno per la frazione organica (marrone) che sarà raccolto 2 volte alla settimana , il lunedì e venerdì, nella zona residenziale, e nelle case sparse una volta alla settimana (il lunedì);
- uno per la frazione residua secca (grigio), che sarà raccolto il martedì in tutte le zone.
I cittadini residenti nelle abitazioni fino a 5 unità familiari riceveranno 3 contenitori da 40 l (Vetro-Plastica-lattine o VPL, carta e residuo secco indifferenziato), un contenitore da 25 l per l’organico e un sottolavello areato da 10 l per ogni unità familiare e la fornitura di sacchetti per l’organico.  A richiesta sarà distribuito un contenitore da 240 l per gli scarti vegetali.
I cittadini residenti nelle abitazioni con più di 5 unità familiari riceveranno 4 contenitori condominiali da 240/360 l, la dimensione dei contenitori sarà valutata a secondo del numero delle  unità abitative nei condomini e delle aree di pertinenza a disposizione all’interno del condominio e un sottolavello areato da 10 l per ogni unità familiare.
A richiesta sarà distribuito un contenitore da 240/360 l per gli scarti vegetali.
I cittadini residenti nelle case sparse riceveranno un contenitore da 25 l per l’organico, un sottolavello areato da 10 l (e i relativi sacchetti compostabili), 2 contenitori condominiali da 240/360 l per carta/cartone e VPL e un contenitore da 40 l per il residuo secco indifferenziato.
A richiesta sarà distribuito un contenitore da 240/360 l per gli scarti vegetali (sfalci, ramaglie e potature), che verranno raccolti il sabato.
I contenitori (quelli da 25 e 40 l sono dotati di sistema antirandagismo) andranno esposti dalle ore 20.30 (del giorno precedente) alle 5.30 nelle case sparse, dove il ritiro inizierà dalle 5.30 in poi, mentre nell’area residenziale l’esposizione dovrà essere fatta dalle 20.30 alle 6, ora in cui inizierà il ritiro da parte degli operatori Hera.
Oltre ai contenitori a richiesta per gli scarti vegetali, sarà possibile chiedere in comodato d’uso gratuito compostiere domestiche da 300 l per recuperare la frazione organica e vegetale. Saranno valutate soluzioni dedicate, in base alle caratteristiche delle singole abitazioni.
I contenitori verranno distribuiti ai cittadini residenti nel primo agglomerato dal 13 dicembre a fine gennaio 2011: la distribuzione sarà realizzata da operatori incaricati da Hera che svolgeranno una puntuale campagna di informazione sul servizio consegnando a ogni nucleo familiare anche il materiale informativo appositamente prodotto: un calendario con evidenziati i giorni del ritiro (uno per le aree residenziali e uno per le case sparse), una guida che spiega dettagliatamente il nuovo sistema di raccolta domiciliare, un ‘Rifiutologo’ con tutti i rifiuti in ordine alfabetico e la loro destinazione e una guida in 8 lingue per gli stranieri.
Il servizio domiciliare sarà attivato per la zona 1 il 31 gennaio 2011, mentre i contenitori stradali saranno rimossi dal 1 al 15 febbraio 2011.
La gestione di pannolini e pannoloni sarà realizzata attraverso punti di raccolta dedicati presso i comitati di quartiere, in cui l’accesso sarà protetto e riservato solo alle famiglie interessate. Inoltre, ad ogni nuovo nato sarà inviato dal Comune un contenitore ermetico per la conservazione e compattazione dei pannolini.
In accordo alle richieste ricevute, l’Amministrazione Comunale pensa di introdurre fin dal primo agglomerato una tariffazione legata alla quantità di materiale differenziato, per incentivare economicamente i cittadini che separano i materiali in maniera corretta. Infatti i contenitori sono predisposti per una successiva fase in cui la tariffazione incentivante sarà applicata e per la quale è in fase di studio l’utilizzo della tecnologia migliore possibile.
Inoltre, sarà possibile conferire la frazione organica in aree dedicate per le situazioni critiche: ad esempio ferie o assenze per lavoro.
Inizia un percorso importante per la nostra Città, in cui chiediamo a tutti i cittadini di affiancare l’Amministrazione per raggiungere un grande risultato collettivo, attraverso un piccolo sforzo individuale. La collaborazione e la partecipazione di tutti consentirà di migliorare il nostro ambiente, la nostra salute, e di garantire uno sviluppo responsabile al nostro territorio. Infatti, questo progetto coinvolgerà Amministrazione, il gestore del servizio e tutti i cittadini, e rappresenta una grande opportunità di coesione, perché tutti insieme percorreremo una strada importante per la qualità ambientale del nostro territorio e per lasciare meno “impronte” in eredità alle generazioni future.

Tag:

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG