Strategie innovative per la prevenzione delle demenze senili

L’Alzheimer si combatte anche con le nuove tecnologie e Forlì è in prima fila nel progetto europeo rivolto nella cura di tale patologia

AZIENDA USL FORLI’ – COMUNE DI FORLI’
 
 
 
STRATEGIE INNOVATIVE PER LA PREVENZIONE DELLE DEMENZE SENILI: FORLI’ IN PRIMA FILA NEL PROGETTO EUROPEO “SOCIABLE”
 
L’Alzheimer si combatte anche con le nuove tecnologie e Forlì è in prima fila nel progetto europeo rivolto alla sperimentazione degli ultimi ritrovati di scienza e tecnica nella cura di tale patologia. La nostra città è, infatti, presente con Comune, Azienda Usl e ditta Cedaf nel programma “Sociable”, promosso dall’Unione Europea per sviluppare computer speciali dotati di test e giochi elettronici destinati alla persona anziana a rischio di declino cognitivo. Il progetto vede il coinvolgimento di quattro stati europei (Grecia, Norvegia, Spagna, Italia) affiancati da 11 partners, di cui quattro per portare avanti gli aspetti tecnologici (Cedaf, Singular Logic di Atene, Lab Human di Valencia, Aiju di Alicante), tre quelli socio-assistenziali (comuni di Trondhheim, Kifissia e  Forlì) e quattro quelli sanitari (Hygela di Atene, Previ di Valencia, Fondazione S. Lucia di Roma e U.O. di Geriatria di Forlì). Dopo la riunione inaugurale tenutasi ad Atene in maggio, il gruppo di lavoro, composto dai rappresentati dei diversi soggetti interessati, si ritroverà, giovedì 17 e venerdì 18 settembre, proprio a Forlì, all’ospedale “Morgagni-Pierantoni”, in sala Pieratelli, per pianificare le attività dei prossimi mesi e valutare i primi risultati. Al meeting, interverranno l’Assessore comunale alle Politiche sociali e sanitarie Davide Drei, l’Assessore alle Politiche Europee Patrick Leech, il Direttore Sanitario del Presidio Ospedaliero Simona Bianchi, ed il Direttore dell’U.O. di Geriatria dell’AUSL di Forlì, Dr. Giulio Cirillo.
Per la nostra città si tratta di un appuntamento importante anche in considerazione della forte incidenza dell’Alzheimer nella popolazione locale. Al fine di intervenire concretamente nei confronti di tale patologia è fondamentale iniziare un trattamento il più precocemente possibile, prima che la compromissione cognitiva e funzionale produca effetti sull’autonomia delle persone. In attesa di terapie farmacologiche in grado di controllare lo sviluppo delle alterazioni morfologiche funzionali tipiche delle demenze, evidenze scientifiche concordano che attivare uno stile di vita salutare con attività fisica, sociale e intellettiva possa moderare il rischio di sviluppare la malattia. Riguardo alle nuove strategie non farmacologiche vi è oggi una tendenza all’evoluzione in senso tecnologico della riabilitazione cognitiva (computer based training): è in questo settore che si inserisce il progetto europeo SOCIABLE. Recentemente avviato, per la durata di 3 anni, il programma è cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito dell’obiettivo 1.4 “ICT per invecchiare bene” del Programma di supporto alle politiche ICT (Information & Communication Technology) 2007-2013, che ha lo scopo di migliorare la qualità della vita della popolazione anziana con il contributo delle moderne tecnologie informatiche e telematiche.

Tag:

Parla con Noi

Contatta la redazione : redazione@informaforli.it.

Rimani aggiornato in tempo reale sulle ultime notizie con RSS Feeds

Collegamenti

Comune di Forli' - Portale Istituzionale

Forli' Ambiente - Portale Tematico sulle politiche ambientali

TAG